Il popolo della rete esiste

Recentemente a Roma, nel corso di un convegno, un noto politico ha affermato che il popolo della rete non esiste più, visto che le masse sono ormai arrivate a Internet. Questo politico, per quanto intuitivo e attento su altre cose relative alla rete, su questo punto sbaglia. Da diversi punti di vista. Il più importante secondo me è che, in virtù della natura aperta e prevalentemente orizzontale della rete, c'è un consistente sottoinsieme degli utenti della rete che sente di essere un portatore di interesse diretto nell'ecosistema di Internet, non un mero fruitore. E' con questo sottoinsieme, che potremmo giornalisticamente chiamare il "popolo della rete", che si sono finora confrontati coloro che, per interessi di parte, hanno tentato di alterare l'architettura della rete a un qualche livello. Ed è con questo sottoinsieme che si dovranno confrontare, anche in futuro, quelle forze, politiche e non, che proveranno ad alterare la costituzione materiale della rete, magari in nome di una qualche emergenza. La rete non è la televisione.

I bambini

Per le Feste, non parlo - per una volta - di Internet o di copyright, ma di bambini, ovvero, di tutti noi, citando le parole della grande Françoise Dolto. Auguri. "Ma non è una buona ragione per spingerli [i bambini] esclusivamente verso lo studio scolastico. La rettitudine di carattere, l'amore e l'osservazione della natura, delle piante, degli animali, la gioia di vivere, l'inventività industriosa, l'abilita' manuale e corporale, un affettività disponibile, l'esperienza psicologica degli altri e della vita collettiva, l'accettazione della differenza altrui, la capacità di farsi degli amici e di conservarli, la conoscenza della storia della famiglia, della propria comunità, della propria regione, del proprio paese, l'attenzione all'arte, alla cultura, agli sport, il senso di responsabilità, la curiosità per tutto, la libertà di soddisfarla, ecco alcune qualità che molto spesso non si sviluppano quando il successo scolastico è il solo valore per il quale il ragazzo è apprezzato dai genitori. Un bambino personalmente motivato per qualche cosa (qualunque sia) è un bambino che vive; se nel superare i suoi insuccessi e le sue delusioni, scolastiche o sentimentali, è sostenuto dall'affetto dei suoi genitori e dalla fiducia in se stesso che sanno dargli in un ambiente disteso, allora è un bambino destinato ad un avvenire di soddisfazioni." Françoise Dolto, "Come allevare un bambino felice", Mondadori, p. 387-388.

Liberta' di remixare

Mi ha colpito questo post di Marco Scialdone sul singolare divieto di remix inserito nelle condizioni di un concorso indetto da Fondazione Romaeuropa e Telecom Italia e rivolto ai "creativi" del web. E' un esempio da manuale della mentalita' "tutto e' proibito" che e' arrivata a dominare il mondo della produzione culturale in questi ultimi anni. Ottima, quindi, l'idea di raccogliere firme e di mandare email per educare gli organizzatori in merito all'esistenza di cose come il pubblico dominio, Creative Commons, eccetera.

Inaugurazione NEXA

Abbiamo appena pubblicato il programma definitivo dell'inaugurazione del Centro NEXA su Internet & Societa' che avra' luogo nell'Aula Magna del Politecnico di Torino il 22 gennaio 2009, ore 9-13. Sono davvero grato a tutti coloro che si sono resi disponibili a venire a Torino (alcuni dagli USA e da Parigi) per discutere insieme pubblicamente del ruolo di un centro come NEXA. Grazie anche a tutti coloro, speriamo tanti, che si uniranno a noi in quella giornata.

Warner Music propone licenza collettiva

Philippe Aigrain segnala e commenta (via Numerama) un annuncio della Warner Music Group che potrebbe segnare uno spartiacque nell'evoluzione dell'industria culturale a livello mondiale: la Warner, infatti, propone una licenza collettiva per l'accesso alla musica dei suoi cataloghi. La proposta ha ancora limitazioni tutte da analizzare e discutere, ma rimane comunque un annuncio di straordinario interesse. Aggiungo solo che appena un mese fa si parlava di licenze collettive e sembrava che la strada fosse ancora lunga. E invece abbiamo gia' una proposta concreta da parte di una delle major.

Il sito di NEXA è online

Il sito del Centro NEXA su Internet & Società del Politecnico di Torino è finalmente online. Un grazie di cuore a Luca per aver lavorato con grandissima dedizione. Mancano ancora molti contenuti, ma li aggiungeremo nelle prossime settimane. Intanto, dopo due mesi di riflessioni, abbiamo pubblicato un comunicato relativo al decreto Pisanu. Argomento ripreso anche da uno splendido articolo di Raffaele Mastrolonardo su "Alias" di oggi (Il Manifesto). AGGIORNAMENTO: L'articolo di Mastrolonardo è disponibile qui. Il tema e' stato anche ripreso, tra gli altri, da Anna Masera su La Stampa e da Punto Informatico.

Sul pubblico dominio #2

Sul Giornale della Musica di novembre 2008, comprato soprattutto per leggere la bella introduzione a Creative Commons scritta dall'Avv. Sveva Antonini (grazie!), trovo - oltre a moltissime altre belle cose - una recensione dal titolo: "Il maestro dell'organo fuori copyright" (di Massimo Nosetti, p. 38). Hmm, interessante. Comincio a leggere: "Il 70° anniversario della morte di Louis Vierne celebrato nel 2007 ha segnato anche l'estinzione del copyright sulle sue composizioni. Circostanza della quale hanno fatto immediatamente tesoro due case editrici tedesche [...] che, a pochi mesi di distanza, hanno presentato ai cultori del tardo romanticismo organicistico due nuove edizioni urtext delle opere del grande Maestro francese. [...] l'evento è in se' encomiabile poiché, pur abbondantemente superato il secolo dalla comparsa della prima opera organistica di Vierne (Première Symphonie op. 14, Hamelle 1899), né questa casa editrice né gli editori (Durand, Lemoine) che pubblicarono i successivi lavori, si sono mai presi l'incomodo di emendare le ristampe seguenti dalla miriade di errori e inesattezze provocate dalla incerta grafia con la quale Vierne, sofferente di grave infermità visiva, redigeva le sue composizioni [...]. La nuova edizione della Bärenreiter, [...], estremamente curata sia nell'elegante veste tipografica sia nel contenuto [...], si può certamente collocare tra le più rilevanti operazioni editoriali recenti nel campo della musica organistica." (enfasi mia). Insomma: a certi economisti, ideologicamente convinti della bontà a priori della "proprietà intellettuale", sarebbe forse il caso di offrire... biglietti per concerti (d'organo e non).

Pages